us it

CORTONA, 16 LUGLIO
27 SETTEMBRE 2015

FOCUS ONTHEMOVE

approfondimento

UNA SPLENDIDA EDIZIONE STA FINENDO, IL VIAGGIO CONTINUA

di Antonio Carloni

Per comunicare con efficacia, l’immagine deve essere scelta con cura: deve essere rilevante, esplicativa, evocativa e soprattutto catturare l’attenzione. Questo è il nostro obbiettivo, questo è quanto abbiamo cercato di fare: non solo un insieme di mostre ed esposizioni da ammirare ma soprattutto un luogo di scambio continuo tra fotografi, artisti, professionisti e curiosi da tutto il mondo.

SCOPRI L'APPROFONDIMENTO

approfondimento

ARE YOU DREAMING TO PUBLISH A PHOTO BOOK?

di Maarten Schilt

There is hardly any economic meaning at all. It is just that everybody in this “business” should stop acting like we are doing a great job and that making a photo book is a sacred necessity. For it is not. With every decision the lesson should be: first sit down and think twice. If after that the key people involved really believe that what should be done must be done, it will make absolute sense to spend the tens of thousands of euros.

SCOPRI L'APPROFONDIMENTO

approfondimento

FOTOGRAFIA E ONESTÀ DI RAPPRESENTAZIONE NELL'EPOCA DEI NUOVI MEDIA

di Alessia Glaviano

Stiamo vivendo un momento storico incomparabile: credo che l'invenzione di internet possa paragonarsi per portata a quella della ruota. L’immagine che abbiamo del mondo attraverso i media istituzionali è quantomeno parziale e a volte completamente erronea. Mentre l'informazione sul web, anche se offre un quadro sicuramente più completo, sarà sempre riduttiva rispetto all'esperienza e non potrà mai portare alla comprensione assoluta. Gli effetti positivi della rivoluzione digitale compensano di gran lunga quelli negativi, ma la domanda da porsi è: in che modo questa tecnologia sta cambiando la nostra mente?

SCOPRI L'APPROFONDIMENTO

approfondimento

FRAMMENTI DI STORIE, PIXEL E PENSIERI

di Renata Ferri

Il 25 aprile 2015 una violenta scossa di magnitudo 7,8 ha colpito il Nepal centrale lasciando sotto le macerie più di 8.000 morti e circa 20.000 feriti. Da allora la terra ha continuato a tremare, facendo altre vittime.

Le città hanno subito danni incalcolabili e nel mondo rurale le cose non sono andate meglio. Si è scatenata la corsa agli aiuti, resa difficile da vie di comunicazione già molto precarie e, dopo il sisma, del tutto inesistenti: le organizzazioni umanitarie internazionali stanno facendo del loro meglio, la rete ospita petizioni e raccolta fondi che però non potranno restituirci il patrimonio degli stupa e dei templi distrutti, e temo non salveranno uno dei Paesi più poveri del mondo da una nuova e più profonda miseria.

SCOPRI L'APPROFONDIMENTO

Ultime da Twitter

Pubblicità